Camera, approvato omicidio stradale

Tre fattispecie di omicidio stradale, con pene che possono arrivare fino a 18 anni, e revoca della patente da dieci a trent`anni, nel caso in cui si fugga dal luogo dell`incidente senza prestare soccorso. 

Ok della Camera (poi il testo dovrà passare al Senato) alla legge sull`omicidio stradale, che aumenta anche da 4 a 5 anni la pena minima in caso di gravi violazioni al codice della strada.
Tra queste, la guida in stato di ubriachezza o contromano, l`eccesso di velocità e l`attraversamento con il semaforo rosso.
Tra le parti più qualificanti  della legge  la revoca della licenza di guida per periodi che vanno da 15 a 30 anni.
È con grande soddisfazione che lo annuncio, dopo anni di frequentazione e incontri con le famiglie e le associazioni delle vittime della strada di Verona, dei ragazzi di Arcole, di Patrizia Pisi e Stefano Benato, di Alberto Pallotti, che ho incontrato in questi giorni a Roma.
La  nuova legge sull’omicidio stradale non risolve tutti i problemi di sicurezza delle strade ne restituisce alle famiglie le proprie vittime ma serve a dare un segnale di civiltà oltre a costituire uno straordinario deterrente verso comportamenti criminali nelle strade.
Oggi siamo un paese più civile e  vorrei dedicare questa legge alle famiglie che hanno sofferto e che spesso non hanno ottenuto giustizia.
 
2018-01-24T09:57:12+00:00 28 ottobre 2015|In Parlamento, Nazionale, Rassegna stampa|